In Australia oltre all’inglese, imparerai anche lo slang australiano!


Studiare in Australia un corso di inglese ti dà la possibilità di scoprire anche il fascino del gergo locale australiano!

Quando pensiamo della possibilità di andare a studiare inglese all’estero, viene spontaneo pensare alla Gran Bretagna e all’America, ma in realtà l’inglese è la lingua più diffusa al mondo quindi le destinazioni dove studiare all’estero per impararlo sono varie: tra queste, una delle più gettonate è l’Australia.

Rispetto all’inglese americano, quello australiano e britannico si somigliano maggiormente poiché i due paesi sono legati storicamente e politicamente a causa del colonialismo inglese in Australia. L’inglese australiano deriva direttamente da quello parlato nell’Est End londinese conosciuto come “Cockney”, poi influenzato dall’irlandese, dallo scozzese e dalle lingue aborigene australiane. Per questo motivo, è decisamente più lontano dall’inglese americano dal punto di vista della fonetica, del lessico e della pronuncia.

L’inglese australiano si è forgiato una propria identità dopo l’arrivo dei primi coloni britannici nel XVIII secolo. E uno degli elementi di questa identità è proprio la ricchezza del gergo: lo slang australiano, caratterizzato da contrazioni, modi di dire, frasi idiomatiche e diminutivi di nomi comuni e propri assolutamente unici.

Insomma, in un certo senso è come se fosse una lingua a sé.

Se stai pensando di andare a studiare o lavorare in Australia, fare un ulteriore sforzo per imparare un po’ di slang può fare la differenza: noterai, infatti, immediatamente la differenza tra l’inglese che studierai durante i corsi di inglese in Australia e quello parlato dagli Aussies!

Come accennato, gli Aussies – così come si fanno chiamare gli australiani – amano giocare con le parole ed usare abbreviazioni.  Molte di queste derivano dal British English, ma l’Australian English si è piuttosto differenziato da quest’ultimo nel corso del tempo e ha creato un vero e proprio lessico a sé stante.

Lo slang aussie e la sua pronuncia vengono chiamati strine, un termine che indica la tendenza tutta australiana di abbreviare il più possibile le parole. Le leggende narrano che questo bisogno di accorciare i vocaboli sia nato dalla tendenza degli Aussies di parlare con la bocca socchiusa per non fare troppi sforzi a causa del caldo e per non fare entrare gli insetti in bocca. È una storiella, è ovvio, ma le parole rimangono corte e un po’ difficili da comprendere per un orecchio non allenato.

Sei in partenza per studiare o per studiare e lavorare in Australia e vuoi cominciare a parlare aussie? Eccoti qualche dritta!

Le 10 espressioni più comuni nello slang australiano

  1. “Aussie”

Non sentirai mai un australiano che usa il termine “Australian” per riferirisi alla propria nazionalità. Un australiano sarà sempre e solo un “aussie”.

  1. “Mate”

È sinonimo di amico. È un vocabolo inglese abbastanza comune nel mondo, ma gli australiani lo mettono praticamente in ogni frase. Cominciate ad allenarvi dicendo:

  • “Thanks mate” per ringraziare;
  • “See you mate” per salutare congedandovi;
  • “Good day mate” per salutare l’interlocutore, iniziando una conversazione.

È un’espressione usata soprattutto tra gli uomini, meno spesso tra le donne.

Prova, sarai molto più aussie!

  1. “G´day”

E, a proposito di saluti, ecco l’espressione più comune. “G’Day”  è un generico saluto, che si usa invece di “hello” a tutte le ore del giorno e della notte.

  1. “How are you going?”

Tipica espressione per chiedere “Come va?” o “Tutto bene?” o “Hai bisogno di una mano?”

  1. “Good on ya”

Questa frase la sentirai spessissimo! È la forma breve per “good on you”.

Si usa per esprimere approvazione e congratulazioni o anche per battute un po’ sarcastiche.

Un esempio?

  • “G’ Day Marco! How are you going?  (Ciao Marco! Come va?)
  • Great mate, I passed the exam! (Bene, amico. Ho passato l’esame!)
  • Good on ya, mate! Well done!” (Ben fatto!)
  1. “I´m stuffed”

Questa espressione può avere più significati e, letteralmente, “to be stuffed” significa “essere pieno”.

Si usa per dire “ho mangiato troppo”, ma in Australia vuol dire più spesso “Sono molto stanco”, “Sono oberato di cose da fare”, “Ho delle difficoltà” e via dicendo.

Un esempio?

  • “I had a tough day at work today. I’m stuffed.” (Oggi ho avuto una giornata difficile al lavoro. Sono distrutto.)
  1. “No worries”

Altra espressione aussie che sentirai continuamente. Può avere più di un significato, da “prego” a “rilassati”.

Un esempio?

  • Thanks for driving me to work, mate! (Grazie del passaggio al lavoro amico!)
  • No worries! (Prego!)

Oppure:

  • My job drives me crazy. I’m stuffed! (Il mio lavoro mi fa diventare matto! Sono distrutto!)
  • No worries, mate! Find another job! (Rilassati amico! Cercati un altro lavoro!)
  1. “Togs”

Fondamentale vocabolo per il tuo tempo libero in Australia. Cosa significa? Costume da bagno!

Un esempio?

  • “We are going to the beach. Don’t forget your togs!”  (Stiamo andando in spiaggia! Non dimenticarti il costume da bagno!)
  1. “To have a barbie”

Altra espressione che sentirai continuamente! E no, non significa “giocare con le bambole”.

Fare un “barbie” significa “fare un barbecue” e le grigliate sono un rito intoccabile in Australia!

Un esempio?

  • “Sara’s having a barbie at the beach today.” (Oggi Sara organizza una grigliata sulla spiaggia).
  1. “Esky”

Se vai in spiaggia per un “barbie” non dimenticarti di portare un “esky”!

Che diavoleria è? Ma è il frigo portatile! Credici, ne avrai bisogno spesso in spiaggia sotto il sole di 40°C!

Un classico esempio?

  • “Don’t forget the esky! It’s hot out today!” (Non dimenticarti il frigo portatile! Oggi fa caldo fuori!)

studiare inglese all'estero in Australia scoprendo il loro slang | LAE

Le parole abbreviate dello slang australiano

Come ti abbiamo spiegato, sono moltissime le parole contratte “strane” che sentirai prima e dopo le lezioni, immergendoti nella cultura australiana. Molte parole ti lasceranno a bocca aperta ma presto imparerai a riconoscerle e le userai anche tu. Ricordati che sono parole colloquiali e, come ogni slang, non vanno scritte, ma valgono solo per lo speaking!

Alcuni esempi?

  • Ambulanza – Ambulance – Ambo;
  • Pomeriggio – Afternoon – Arvo;
  • Barbecue – Barbecue – Barbie;
  • Biscotto – Biscuit – Bikkie;
  • Colazione – Breakfast – Brekkie;
  • Brisbane – Brisbane – Brissie;
  • Fremantle – Fremantle – Freo;
  • Zanzara – Mosquito – Mozzie;
  • Occhiali da sole – Sunglasses – Sunnies;
  • Verdure – Vegetables – Veggies;
  • Vegetariano – Vegetarian – Veggo;
  • Avocado – Avocado – Avo.

Qualche altra particolarità dello slang australiano

Gli australiani non pronunciano le “r” alla fine delle parole.

Sentirai spesso dire “foreva”, “togetha” invece di “forever”, “together”.

Sono un po’ pigri nel pronunciare le “g” a fine parola. Sentirai ad esempio: “fishin”, “drivin” “callin” invece di “fishing”, “driving”, “calling”.

Durante il tuo viaggio downunder sentirai spesso nuovi vocaboli e espressioni! Non avere paura di chiedere cosa significano e fatteli ripetere più volte così da memorizzarli e poterli usare anche tu!

Nulla dà più soddisfazione durante un soggiorno linguistico che imparare anche a padroneggiare lo slang locale!

Se ti è piaciuto questo articolo, leggi anche l’articolo British o American English?

Contattaci per maggiori informazioni riguardo un corso di inglese in Australia!

Takeaways

  • Studiare in Australia ti permette di migliorare il tuo inglese e, allo stesso tempo, ti introduce allo slang australiano, un aspetto unico e affascinante della cultura locale. Questo gergo è ricco di contrazioni, modi di dire e diminutivi che differenziano nettamente l’inglese australiano da quello britannico e americano.
  • L’inglese australiano ha una fonetica, un lessico e una pronuncia distinti rispetto alle altre varianti, influenzati dall’inglese “Cockney” dell’Est End londinese, dall’irlandese, dallo scozzese e dalle lingue aborigene australiane. Questo lo rende molto diverso dall’inglese americano e più vicino a quello britannico.
  • In Australia puoi imparare termini ed espressioni uniche come “Aussie” per australiano, “Mate” per amico, “G’day” per saluto e “No worries” per prego o rilassati. Queste espressioni sono parte integrante della comunicazione quotidiana e riflettono la cultura rilassata e amichevole degli australiani.
  • Gli australiani tendono a non pronunciare le “r” alla fine delle parole e spesso omettono le “g” alla fine dei gerundi. Inoltre, abbreviano molte parole comuni, come “arvo” per pomeriggio, “brekkie” per colazione e “barbie” per barbecue. Queste particolarità linguistiche possono inizialmente sembrare strane, ma diventano rapidamente familiari e utili.
  • Imparare lo slang australiano e le sue particolarità ti aiuterà a integrarti meglio nella società australiana e renderà il tuo soggiorno più piacevole e autentico. Capire e utilizzare lo slang locale ti permetterà di vivere un’esperienza più ricca e completa, migliorando allo stesso tempo le tue competenze linguistiche.

Domande & Risposte


Perché studiare inglese in Australia?

Studiare in Australia un corso di inglese ti dà la possibilità di scoprire anche il fascino del gergo locale australiano. L’inglese è la lingua più diffusa al mondo quindi le destinazioni dove studiare all’estero per impararlo sono varie: tra queste, una delle più gettonate è proprio l’Australia.

Qual è la differenza tra l’inglese australiano e l’inglese americano?

Rispetto all’inglese americano, quello australiano e britannico si somigliano maggiormente poiché i due paesi sono legati storicamente e politicamente a causa del colonialismo inglese in Australia. L’inglese australiano deriva direttamente da quello parlato nell’Est End londinese conosciuto come ‘Cockney’, poi influenzato dall’irlandese, dallo scozzese e dalle lingue aborigene australiane. Per questo motivo, è decisamente più lontano dall’inglese americano dal punto di vista della fonetica, del lessico e della pronuncia.

Cos’è lo slang australiano e perché è importante impararlo?

Lo slang australiano, chiamato strine per quanto riguarda la particolare pronuncia, è caratterizzato da contrazioni, modi di dire, frasi idiomatiche e diminutivi di nomi comuni e propri assolutamente unici. È nato dalla tendenza degli Aussies di abbreviare il più possibile le parole. Imparare un po’ di slang può fare la differenza tra l’inglese che studierai durante i corsi di inglese in Australia e quello parlato dagli Aussies.